un pizzico di pazienza
  • PREPARARE / RICETTE / RICETTE DOLCI

    LA CHEESECAKE PERFETTA

    La Cheesecake perfetta | Ça va sans dire | cavasansdire.com

    “Dal Vangelo secondo Laurel Evans”

    Non ricordo esattamente in quale momento della vita sono andata in fissa per i dolci americani. 

    Vivevo ancora dai miei quindi non so dirvi se davvero non riesca ad inquadrare il periodo o visto il numero di anni fa, il mio cervello per difesa si rifiuti di farlo! 

    Quel che è certo è che il mio dolce americano preferito in assoluto è la tradizionale cheesecake. Nel tempo ne ho assaggiate centinaia e provato tutte le ricette che ho trovato, in cerca di quella perfetta! 

    La fonte più attendibile di tutte è mia madre. Lei di sicuro quel periodo  se lo ricorda benissimo perché oltre a trovarsi sul tavolo tre cheesecake alla settimana, ogni volta che non ero soddisfatta del risultato invece che sistemare la cucina uscivo a sbollire la delusione camminando un po’.

    Poi la svolta! 

    Un pomeriggio mia madre torna a casa con il regalo più bello di sempre: un corso di cucina sui dolci americani organizzato dalla Cucina Italiana e tenuto dalla regina indiscussa Laurel Evans! Ripensandoci ora non so se me lo abbia preso per togliermi dal disorientamento da cheesecake non riuscita o per regalare a se stessa un tregua dal turno di pulizia della cucina. Chissà…forse entrambe le cose!

    Ma comunque sia, non vi dico la gioia!

    Ho bene in mente il momento in cui sono uscita dal corso, ero gasatissima ma allo stesso tempo spaventata di non riuscire a replicare da sola quella sua cheesecake finalmente perfetta. Fatto sta che dopo aver preso a calci  la paura mi sono fiondata al supermercato, dovevo rifarla immediatamente!! Il risultato è stato grandioso, oserei dire (senza alcun vanto) eccezionale!!  Ora la cheesecake di Laurel Evans è il mio cavallo di battaglia: La preparo per tutte le feste e delle volte anche se non c’è un bel niente da festeggiare. 

    Qui vi riporto pari pari la ricetta e i passaggi di Laurel, il merito è tutto suo e quindi viva l’americana in cucina più famosa del web!

    INGREDIENTI:
    Per la base:
    200gr biscotti DIGESTIVE
    120gr burro
    3 cucchiai di zucchero

    Per la torta:
    1kg Philadelphia
    150gr zucchero
    125gr yogurt bianco intero
    4 uova a temperatura ambiente
    2 cucchiai di farina

    Per prima cosa accendi il forno a 170°.

    Fondi il burro in un pentolino, intanto imburra uno stampo a cerniera da 26cm, sbriciola i biscotti nel robot da cucina e aggiungi lo zucchero. Versa il composto di biscotti e zucchero in una terrina e aggiungi il burro fuso, mescola in modo che venga ben assorbito e trasferisci nella tortiera.
    Crea uno strato compatto di biscotti, schiacciando bene con un cucchiaio in tutti i punti e trasferisci in forno per circa 10 minuti.
    La tortiera con la cerniera è fondamentale per poi sformare la torta, ti consiglio però di infornarla dentro ad un’altra tortiera in modo che il burro che si scioglie e l’acqua del formaggio dopo non cadano sul fondo del forno (la prima volta che mi è successo volevo buttare via il forno!)

    Mentre si cuoce la base prepara il “ripieno”.
    Lavora nella planetaria qualche minuto tutto il Philadelphia con lo zucchero. Per questa operazione vanno benissimo le fruste, poi armatevi di santa pazienza e di un cucchiaio di legno (rendo noto che questo è l’unico vero motivo per cui in casa mia ne esiste ancora uno!).
    Aggiungi le uova una per volta, mescola lentamente per ogni uovo e controlla che il composto sia uniforme.
    Aggiungi la farina, mescola e per ultimo unisci lo yogurt. Mescola quanto basta in modo che il composto sia omogeneo.

    Nel frattempo la base sarà cotta, puoi toglierla e alzare il forno a 250°.

    Versa il composto di formaggio sopra la base di biscotti, inforna e cuocia per 15 minuti a 250° poi abbassa il forno a 90° e prosegui la cottura per circa 45 minuti o fino a quando non ti sembra soda ai lati e più “molle” al centro, (a me piace che la parte sopra rimanga bella chiara quindi dopo 20 minuti di forno la copro con un foglio di alluminio).

    Una volta terminata la cottura toglila dal forno e con un coltello o con una spatola staccha i bordi dallo stampo (senza aprirlo però).
    Lasciala raffreddare e poi mettila in frigo per almeno 4 ore.  

    Secondo me è ottima se preparata il giorno prima così ha tempo di raffreddarsi e compattarsi ancora meglio in frigo.

  • You may also like

    No Comments

    Leave a Reply