un pizzico di pazienza
  • PREPARARE / RICETTE / RICETTE DOLCI

    LA TORTA DEL TRENO, molto più di una torta di mele.

    Di torta di mele a casa mia se ne fa una sola, la torta del treno.
    Farla bella è praticamente impossibile, ci sono troppe mele e troppo poco impasto ma ho fatto del mio meglio.
    La storia di questa torta è una storia di fuga, di guerra, di povertà e di incertezza, ma anche di condivisione (benché da condividere ci fosse poco o niente), di generosità e di speranza.
    Erano gli anni del fascismo, la nonna Giulia cercava di raggiungere Brescia in treno per tornare dalla sua famiglia. Durante il viaggio cominciarono a cadere le bombe e il treno si fermò. A riempire le ore furono l’attesa e la speranza appesa un filo. Un viaggio breve durò ore interminabili e fu una signora gentile, seduta nel posto di fronte alla nonna ad offrirle un pezzo di torta di mele. A condividere con quella giovanissima donna sconosciuta l’unico cibo che avesse con sè.

    La ricetta di questa torta è semplicissima, di ingredienti da comprare ce ne sono davvero pochi ma tutte le volte che la prepariamo ci pare che non sai mai proprio ugualle a quella della nonna. E io credo perchè mentre la cucinava, oltre ai soliti ingredienti lei ci mettesse ogni volta qualche minuto di quella snervante attesa, un po’ di tremore delle mani per il freddo e la paura e un pizzico di quella fortuna che quel gioerno l’ha baciata.

    INGREDIENTI:

    1kg mele renette
    150gr zucchero
    2 cucchiaini rasi di cannella
    2 cucchiaini colmi di lievito
    150gr di farina
    1 uovo
    buccia del limone
    latte q.b.

    COME SI FA:

    Pulisci le mele, tagliale a fettine e mettile da parte.
    Prepara l’impasto mescolando la farina, il lievito, l’uovo, la cannella, la buccia del limone e la metà dello zucchero. Aggiungi tanto latte quato basta a rendere l’impasto liscio ma non liquido.

    Imburra bene la teglia e ripassala con il pan grattato. Versa l’impasto sul fondo e aggiungi le mele. Se ti sembrano troppe non preoccuparti, è normale. Schiacciale giu con le mani e posizionale meglio in alto.
    Spolvera la superficie con lo zucchero rimanente e e vi piace ancora un pochino di cannella.

    Inforna a 180° per un’ora (anche un’ora e mezza dipende dal forno e della grandezza della teglia che avete scelto).

    E’ la torta più buona di sempre ed avendo poco impasto resta umida e deliziosa anche per tre giorni.

    Altre ricette che potrebbero ineressarti:
    Crostata di mele
    Crumble di mele e frutti di bosco

  • You may also like

    No Comments

    Leave a Reply