un pizzico di pazienza
  • PREPARARE / RICETTE DOLCI

    CROSTATA RUSTICA CON FICHI MIELE E MANDORLE TOSTATE…grazie Francesco!

    crostata-rustica-fichi-miele-e-mandorle-tostate1.jpg

    Qualche giorno fa Francesco si è presentato a cena con una cassetta di meravigliosa verdura del suo orto e una cassetta stracarica di fichi neri..la mia passione! Quindi questa torta la devo a lui, che regalandomi più fichi di quelli che avrei mai potuto mangiare, mi ha costretta ad aprire il raccoglitore dei ritagli, stampe e scarabocchi di ricette in attesa di essere provate, in cerca di una ghiottoneria a base di fichi. Credo di aver trascritto questa ricetta da un blog..ma non ho appuntato quale quindi se qualcuno la riconoscesse non esiti a segnalarmelo in modo da pubblicare subito la fonte e i complimenti ☺

    La ricetta è praticamente perfetta, l’unica variazione che ho fatto dall’originale è di non mettere la confettura di fichi in modo da valorizzare al massimo i frutti freschissimi che avevo a disposizione.

    (Riporto la ricetta originale con le mie variazioni accanto)

    crostata-rustica-fichi-miele-e-mandorle-tostate

    INGREDIENTI

    Per la pasta frolla di mandorle

    • 100gr burro
    • 80gr zucchero a velo
    • 80gr farina di mandorle
    • 200gr farina 00
    • 2 tuorli
    • 1 pizzico di sale
    • Scorza di un limone bio grattugiata (io non l’ho messa)
    • Latte q.b. se necessario (io non ne ho avuto bisogno

    Per la crema pasticcera

    • 350ml latte
    • 2 tuorli
    • 70gr zucchero
    • 35gr farina
    • Scorza di un limone bio grattugiata (io ho usato la scorza di solo mezzo limone)

    Per finire il dolce

    • 40gr confettura di fichi (io non l’ho messa)
    • 7-8 fichi (io ne ho usati solo 4..erano enormi!)
    • Una manciata di mandorle a lamelle o filetti tostate
    • 2 cucchiai di miele di cardo (io 2 cucchiaini rasi)
    • succo di mezzo limone

    La prima cosa da preparare è la crema pasticcera perché va lasciata raffreddare. Io l’ho fatta con il Bimby mettendo nel boccale tutti gli ingredienti, 7 min, 90°, velocità 4.

    In alternativa potete  procedere come da tradizione : lavorare in una terrina lavorare i tuorli con lo zucchero, la farina. Scaldare il latte in un pentolino, grattare la scorza del limone, portare a bollore e togliere dal fuoco. Versare a filo il latte sul composto di tuorli mescolando velocemente. Rimettere il pentolino sul fuoco basso e portare a cottura la crema continuando a mescolare fino al raggiungimento della consistenza desiderata.

    Una volta cotta, versarla in un recipiente di vetro per abbassare tempestivamente la temperatura della crema. Coprire con un della pellicola da cucina avendo cura di fare aderire la pellicola alla superficie della crema in modo da evitare che si formi il classico strato superficiale più spesso. Far raffreddare in frigo.

    Mentre la crema si raffredda prepariamo la pasta frolla alle mandorle. Io l’ho fatta nel KitcheAid lavorando con il gancio tutti gli ingredienti per pochi minuti, fino ad ottenere il classico impasto sabbioso che poi ho compattato a mano su un tagliere, (Chi non avesse il robot può tranquillamente impastare la frolla a mano in un grossa ciotola. Il risultato sarà identico). Formare un panetto e metterlo a riposare nel frigo avvolto nella pellicola da cucina.

    Preriscaldiamo il forno statico a 180° e mentre la frolla riposa possiamo dedicarci a pulire e tagliare i fichi. Io li ho pelati e tagliati un po’ per il largo e un po’ per il lungo..non c’è una regola..dipende dalla forma dei fichi che avete e come volete disporli sulla torta.

    Tostare per 5 minuti le mandorle utilizzando un padellino antiaderente senza l’aggiunta di ulteriori grassi.

    Stendere la frolla e rivestire uno stampo da massimo 26cm (io ho usato un 22cm). Vista la mia proverbiale poca destrezza con i dolci,  per rendere l’operazione più semplice l’ho stesa tra due fogli di carta da forno.

    Ricoprire il guscio di pasta con della carta stagnola, riempire la base con dei fagioli secchi e informare per circa 12 minuti, passati i quali levare fagioli e stagnola e rimettere lo stampo in forno fino a che la frolla non sarà dorata (15 minuti circa..ma dipende dal forno). Attenzione a non cuocerla troppo, altrimenti diventa amara.

    Togliere dal forno e lasciare raffreddare.

    Mentre la frolla raffredda facciamo scaldare in un pentolino il miele con il succo di mezzo limone emulsionando bene. Questa specie di sciroppo ci servirà per spennellare i fichi una volta posizionati sulla torta in modo da far aderire meglio le mandorle e conferendo una gradevole nota acida nel sapore e lucida nell’aspetto.

    Procediamo a montare il dolce: stendere un velo di confettura di fichi sul guscio di frolla (io non l’ho messa), riempire il guscio con la crema pasticcera, posizionare i fichi, spennellarli con lo sciroppo al miele di cardo e limone e spolverizzare con le mandorle tostate.

    Lasciarla rassodare in frigo per qualche ora (io tutta la notte) prima di servire.

  • You may also like

    No Comments

    Leave a Reply